Indietro

Installazione corretta delle finestre: a cosa fare attenzione? 

16.02.2024

La finestra ideale per la casa, l’appartamento o l’ufficio è innanzitutto una finestra ermetica con elevati valori di isolamento termico. Pertanto, quando scegliamo le finestre per il nostro edificio, controlliamo praticamente sempre i parametri più importanti, tra cui il numero di vetri della finestra e il suo coefficiente di trasmissione termica.

Se questi parametri concordano, allora sono sicuro che la scelta sarà quella giusta e che potremo godere del calore anche nelle giornate più fredde. Niente di tutto questo, però, perché altrettanto importante dei parametri della finestra è la sua corretta installazione. È l’installazione impeccabile che decide dell’ulteriore utilizzo della falegnameria della finestra. Se viene eseguita in modo sbagliato, anche la finestra più costosa e con le migliori proprietà sul mercato perderà le sue qualità e dovremo pagare troppo per il riscaldamento.

Purtroppo, sul mercato ci sono installatori che non sempre conoscono il loro mestiere e quindi non eseguono il lavoro correttamente. Tuttavia, per valutare correttamente il lavoro, dovremmo sapere a cosa prestare particolare attenzione. Per questo motivo presentiamo di seguito una breve guida, in cui affronteremo le questioni più importanti relative alla corretta installazione delle finestre.

Installazione corretta delle finestre: che tipo di installazione?

Il concetto di corretta installazione delle finestre non è chiaro. Ciò che funzionava 10 anni fa potrebbe non funzionare oggi. La conformità all’arte della costruzione cambia di pari passo con il progresso tecnologico o con le norme di legge.
Ogni anno vengono utilizzati materiali di installazione sempre più moderni. Cambiano anche gli standard di trasmissione del calore e i materiali stessi delle pareti, il che si ripercuote sul modo in cui vengono installate le finestre. Ad esempio, i vetri presenti sul mercato sono sempre più pesanti. Per questo motivo, chi si specializza nell’installazione di finestre deve seguire una formazione regolare per non commettere errori e lavorare in conformità con le pratiche edilizie attuali. Attualmente, l’installazione delle finestre può essere suddivisa in due tipi fondamentali:

  • Installazione primaria, in cui le finestre vengono installate per la prima volta in un edificio di nuova costruzione. Si tratta quindi della fase finale della chiusura dell’involucro. Questo tipo di installazione è anche molto più semplice perché abbiamo un cantiere in cui le pareti sono aperte e l’accesso è totale. Inoltre, non c’è praticamente nessuna possibilità di danneggiare qualcosa. La situazione è leggermente diversa per il secondo tipo di montaggio….
  • L’installazione secondaria, che prevede la sostituzione delle finestre attualmente esistenti nell’edificio. Anche in questo caso, ogni proprietario di un edificio si aspetta che la sostituzione avvenga in modo rapido e robusto, cosa che purtroppo spesso non favorisce la precisione. Inoltre, bisogna fare attenzione ai muri o agli edifici esistenti per non danneggiare nulla.

Installazione a caldo: è necessaria?

Da qualche anno va di moda la cosiddetta installazione a caldo, necessaria soprattutto per le finestre ad alta efficienza energetica. In questi casi, è molto importante sigillare accuratamente il telaio per eliminare i ponti termici attraverso i quali può fuoriuscire l’aria calda. A tal fine, la superficie dell’apertura viene accuratamente livellata prima dell’installazione e per la sigillatura vengono utilizzati fino a tre strati di isolante. Il primo, un nastro permeabile al vapore, protegge l’isolamento dagli agenti atmosferici. Il secondo strato, quello intermedio, è solitamente costituito da schiuma poliuretanica, che viene posizionata tra la finestra e il telaio. Infine, il terzo strato, la membrana impermeabile al vapore, è progettato per proteggere la schiuma dall’umidità.

Questo tipo di installazione è chiamata installazione a caldo per un motivo ben preciso: quando è fatta bene, fa risparmiare davvero molta energia termica.

Installazione di finestre antieffrazione

Prima di passare agli errori più comuni nell’installazione delle finestre, vale la pena menzionare l’aspetto dell’installazione di finestre antieffrazione. Questo perché si differenzia dall’installazione di finestre normali. Le finestre antieffrazione devono essere installate in conformità alla severa norma europea EN-V 1627-30, che specifica parametri quali il tipo e la dimensione dei tasselli, la distanza tra di essi e la profondità degli ancoraggi.
Se non vengono rispettate le condizioni specificate nella suddetta norma, la finestra stessa non sarà conforme al certificato di sicurezza. È quindi importante avvalersi di una squadra di installatori comprovata e raccomandata dal produttore per l’installazione di questo tipo di finestre. Inoltre, dopo l’esecuzione dei lavori, deve essere rilasciato un documento di garanzia adeguato.

Quali sono gli errori più comuni commessi durante l’installazione delle finestre?

Abbiamo già parlato dei tipi di installazione delle finestre, è ora di concentrarci sugli errori più comuni a cui dobbiamo prestare particolare attenzione. Tra gli errori principali possiamo annoverare, innanzitutto:

Pianificazione imprecisa dell’installazione delle finestre

Una corretta pianificazione del processo di installazione delle finestre è importante quanto l’installazione stessa. Dopo tutto, la scelta del momento giusto per posizionare gli infissi, sia le finestre che le porte, è di vitale importanza. Soprattutto nel caso di finestre in legno, è consigliabile eseguire questa operazione dopo aver completato i lavori di massetto e intonaco all’interno dell’edificio. Inoltre, se le pareti esterne devono essere isolate, è consigliabile installare le finestre prima dell’inizio di questo processo.

Inoltre, è opportuno valutare in fase di progettazione se è nostra intenzione installare delle tapparelle esterne. Alcuni tipi di tapparelle, come le tapparelle basculanti, richiedono l’allargamento dell’apertura della finestra in base alle dimensioni del cassonetto, che a loro volta dipendono dalle dimensioni della tapparella.

Preparazione inadeguata delle aperture delle finestre

La mancata preparazione adeguata delle aperture delle finestre è un errore che si verifica relativamente spesso ed è facile da individuare nelle fasi iniziali, a condizione che si conoscano i criteri pertinenti. È importante che le aperture delle finestre siano preparate adeguatamente non solo per l’installazione della finestra stessa, ma anche prima per misurare con precisione il punto in cui la finestra deve essere installata.

La preparazione delle aperture comporta principalmente il livellamento della loro superficie. Deve essere piana, priva di irregolarità, spazi vuoti e crepe. Tali imperfezioni possono causare difficoltà durante la corretta installazione, soprattutto quando si tratta di incollare saldamente la pellicola sigillante. Si raccomanda inoltre di controllare la regolarità del bordo inferiore su cui poggia la finestra. Per una corretta installazione è necessario che sia perfettamente uniforme. Infine, è necessario misurare la planarità e la verticalità delle pareti.

Misure insufficienti dello stipite

Le misure imprecise dello stipite sono un altro errore comune durante l’installazione delle finestre, che comporta il posizionamento di finestre troppo piccole o troppo grandi rispetto allo stipite. Ciò è solitamente dovuto a misurazioni precedenti inadeguate.
Le misure dello stipite devono essere effettuate dopo che i bordi e il substrato sono stati livellati, ma prima che le pareti esterne siano state intonacate. Queste misure non devono essere effettuate prima del livellamento, poiché durante questo processo possono verificarsi variazioni di dimensioni, anche a livello millimetrico, che possono essere significative. Le misure devono essere effettuate con un metro a nastro e una livella a bolla d’aria, coprendo sia l’esterno che l’interno. Inoltre, bisogna assicurarsi che gli angoli dell’apertura della finestra siano effettivamente rettilinei.
Per garantire una corretta installazione delle finestre, scegliere modelli leggermente più piccoli della fuga, lasciando un piccolo spazio in caso di deformazione dovuta alle variazioni di temperatura.
È inoltre opportuno considerare che la corretta larghezza della fessura tra il telaio della finestra e lo stipite dipende non solo dalla lunghezza dello stipite, ma anche dal tipo di finestra, ad esempio in legno, PVC o alluminio. Per le finestre in legno, di solito si consiglia una distanza minore.

Installazione di finestre su una superficie sporca

L’installazione di una finestra su un substrato sporco è un errore comune commesso da squadre di installatori disattenti. È una delle omissioni più gravi nell’installazione delle finestre, ma anche facilmente evitabile. Prima di posizionare la finestra nella fuga, è necessario pulire accuratamente il substrato. La polvere o i residui di intonaco lasciati sulla fuga possono causare perdite. Se la schiuma viene stesa su un substrato sporco, non avrà una tenuta sufficiente, il che può portare a perdite d’aria in seguito. Inoltre, lo sporco assorbe l’umidità.

Installazione errata – senza connettori o listelli davanzali

Un altro errore durante l’installazione delle finestre è il fissaggio errato, cioè il posizionamento delle finestre senza davanzali o elementi di fissaggio. Un montatore inesperto può tentare di inserire la finestra direttamente nella fuga, omettendo i listelli del davanzale. Tuttavia, l’assenza di questi elementi renderà molto più difficile l’installazione del davanzale in un secondo momento e potrebbe portare a perdite d’acqua in futuro, che a loro volta sono associate all’umidità all’interno dell’edificio, oltre che a potenziali perdite in corrispondenza dei giunti. L’installazione di una finestra senza blocchi di supporto può a sua volta portare alla deformazione del telaio della finestra sulla muratura o sull’isolamento termico, che a sua volta può causare crepe nell’intonaco.
L’installazione di un serramento richiede l’uso di strumenti speciali come ancoraggi, viti, bulloni o tasselli, a seconda del materiale della parete. La scelta corretta degli strumenti è fondamentale per la durata dell’installazione. I punti di fissaggio devono essere distanziati dalla giusta distanza e il loro numero deve essere adattato al tipo di finestra. Questo sarà diverso per le finestre in PVC, per quelle in alluminio e ancora per i serramenti in legno.

Errata sigillatura della finestra

La sigillatura non conforme delle finestre è un errore comune che si verifica spesso durante il processo di installazione. Una sigillatura efficace, invece, è fondamentale per una protezione completa dall’umidità. Un principio fondamentale nell’esecuzione del processo di sigillatura è che la tenuta deve essere maggiore all’interno che all’esterno. La sigillatura ideale, come detto nei paragrafi precedenti, è composta da tre strati: lo strato interno (l’uso di nastri sigillanti, che impediscono il movimento dell’aria e del vapore), lo strato intermedio (l’uso di schiuma, che isola sia termicamente che acusticamente) e lo strato esterno (l’uso di nastri impregnati o di nastri di espansione). Un’installazione di finestre che include una sigillatura completa viene definita “a strati” (a volte si usa anche il termine “installazione calda”, anche se tecnicamente non è un termine preciso).
L’uso della schiuma come sigillante a sé stante non è un errore, soprattutto se non si opta per un’installazione a strati. La schiuma può fornire risultati soddisfacenti, a condizione che il team di installazione mostri attenzione nel processo di applicazione.

Lasciare la pellicola protettiva

Infine, non possiamo non menzionare l’errore più banale, ma che alla fine può rappresentare un grosso inconveniente, soprattutto visivo. Si tratta di lasciare la pellicola protettiva. In questo caso, è bene ricordare che la rimozione della pellicola protettiva deve essere evitata sia prima che subito dopo l’installazione delle finestre. Infatti, la procedura corretta prevede che la pellicola protettiva rimanga sulle finestre durante il processo di installazione stesso e durante i lavori di costruzione e ristrutturazione all’interno della casa, come l’applicazione dell’intonaco esterno.
La sua rimozione prematura può provocare graffi o macchie difficili da eliminare. D’altra parte, se la pellicola viene lasciata sulla finestra per troppo tempo, può diventare molto difficile o addirittura impossibile da rimuovere a causa degli effetti del tempo. Si consiglia pertanto di smaltire la pellicola protettiva entro un mese (massimo due mesi) dal completamento del processo di installazione della finestra.


Contatto veloce

Non sai quale prodotto scegliere?
Contatta i proprietari della comunità.

    Invia un messaggio

    Partner

    Lavoriamo su prodotti di altissima qualità.

    Avete domande?
    Contattateci.
    Invia una richiesta